markus-spiske-466ENaLuhLY-unsplash

Lo sapevi che...

Una raccolta di informazioni semplici, chiare e verificate su questioni legate a politica estera, immigrazione ed economia.

Lo sapevi che...

 

Le esportazioni di pomodoro concentrato europeo si sono rivelate, negli ultimi anni, un colpo basso all'economia interna di molti Paesi africani. 

In territori come il Ghana, la diffusione di prodotti in scatola ha distrutto il mercato locale, lasciando nella povertà coltivatori e venditori ambulanti.

Molti di loro, ora migranti, si ritrovano in Italia a lavorare per guadagni irrisori alla raccolta di pomodori che sta rovinando il proprio Paese.

Lo sapevi che...

 
Un rapporto ONU ha dimostrato, recentemente, come una delle cause della migrazione irregolare dal continente africano sia, paradossalmente,  lo sviluppo di quest'ultimo. Le aspirazioni economiche e di vita dei giovani crescono, ma il progresso è diseguale e non garantisce guadagni sufficienti per il sostentamento di un'intera famiglia.
 
(Fonte)
motivazioni migranti afriani

Lo sapevi che...

 
Mentre nel resto del mondo i casi di AIDS calano, le precarie condizioni igieniche in Pakistan sono causa del moltiplicarsi del virus nel Paese. Ad oggi si registrano 160mila casi accertati, ma relativamente pochi sono coloro che si sottopongo al test per HIV; i malati vengono emarginati e lasciati al proprio destino, dando origine ad una crisi sociale oltre che sanitaria.
 

Lo sapevi che...

 
Il Gibuti è un piccolo Paese dell'Africa orientale che si affaccia sullo stretto di Aden. Un'indagine ha individuato la presenza di più di mille bambini di strada nel territorio gibutiano, provenienti dalle vicine Etiopia e Somalia. I piccoli migranti arrivano nel Paese con la speranza di raggiungere, via mare, lo Yemen e quindi l'Arabia Saudita. Tuttavia, molti non riescono nel loro intento e si trovano a vivere per strada, esposti ad ogni tipo di pericolo.
 
bambini in gibuti

Lo sapevi che...

 
Stupri, omicidi, bambini soldato e povertà estrema sono la normalità nella Repubblica Centrafricana, dal 2012 dilaniata dalla guerra civile tra il governo e i gruppi islamici ribelli, i Seleka. Da allora, si contendono il controllo delle città e delle ricche miniere del territorio, rendendolo un luogo senza legge, amministrato dalla sola violenza. Ogni attività non connessa alla guerra è compromessa e ci sono oltre un milione di sfollati; di questo passo, il Paese stesso rischia di disgregarsi.
 

Lo sapevi che...

 
I deepfake rappresentano gli ultimi strumenti messi in campo sul web per la diffusione di fake news: si tratta di video in cui, grazie a un'intelligenza artificiale, viene contraffatta l'immagine umana. Grazie al progetto Deepfake Detection Challange, è stata promossa la creazione di sistemi open source per la rilevazione di contenuti falsi che possano contrastare il fenomeno.
 
deepfake

Lo sapevi che...

 
L'Università di Parma ha creato la piattaforma Migration Facts, con lo scopo di diffondere dati attendibili sul fenomeno delle migrazioni, destinato a mutare il nostro paese nei decenni futuri. Con riferimento particolare agli studenti delle scuole superiori, il sito raccoglie elaborazioni statistiche create dalla redazione, e riprende anche fonti esterne sul tema con un focus particolare su gli articoli scientifici.
 
migration-facts

Lo sapevi che...

 
L'Italia fu al centro di una vera emorragia emigratoria negli anni a cavallo tra il XIX e il XX secolo, che vide partire quasi 30 milioni di persone. Durante la grande emigrazione di inizio novecento, le condizioni per la gran parte dei viaggiatori erano tragiche: un sacco di iuta e un solo orinatoio ogni 100 persone. Poi, arrivati in America, subivano severi controlli sanitari, durante i quali erano imprigionati fino a tre giorni, e spesso rispediti indietro
 

Lo sapevi che...

 
L'operazione Sophia è una missione lanciata dall' UE nel 2015 contro il traffico di migranti nel Mediterraneo. Prorogata sino al 31/03/20, adesso ha anche lo scopo di addestrare la guardia costiera libica e controllare l'embargo delle armi
 

Lo sapevi che...

 
I centri di detenzione migranti in Libia nascono nel 2010 sotto il governo di Gheddafi. Le condizioni dei detenuti sono disumane e ciò spinge molti di loro a mettere a rischio la propria vita imbarcandosi in mare.
 
(Fonte)
centri detenzione in libia

Lo sapevi che...

 
Sembra che qualcosa nella delicata questione della corretta distribuzione dei migranti stia cambiando. In un meeting i ministri dell'interno di Italia, Germania, Francia, Malta e Finlandia si sono incontrati per discutere un sistema di distribuzione automatica degli arrivi, senza dover passare ogni volta per gli accordi tra Stati. Per i migranti tuttavia non cambia molto: la maggioranza sarà ancora intercettato dalle motovedette libiche ed imprigionato nel Paese africano.
 
bandiera ue

Lo sapevi che...

 
Lo Stato membro UE competente per l'esame di una domanda d'asilo è stabilito dal regolamento di Dublino. Quest'ultimo garantisce un monitoraggio del fenomeno dell'asylum shopping (presentazione della domanda in più Stati membri) e dei richiedenti asilo "in orbita" (rinviati da uno Stato all'altro in attesa di un esame della domanda.
 
asilo unione europea

Lo sapevi che...

 
L'effetto dell'integrazione si manifesta nel delicatissimo problema dei reati commessi da stranieri. Infatti, nel periodo 2013-19, l'incarceramento dei rumeni, etnia che testimonia questo processo, si è ridotto di più di un terzo. Poi, spesso gli stranieri hanno pene più brevi, per le quali non si può accedere ai domiciliari, aumentando esponenzialmente le statistiche sulla detenzione in merito, distrocendo sensibilmente la percezione del fenomeno.
 
detenuti stranieri

Lo sapevi che...

 
Nella Repubblica Democratica del Congo sono stati registrati centinaia di migliaia di casi di stupro di donne, con lo scopo di punire il nemico. Le vittime (spesso anche bambine) e i figli generati da questi abusi vengono poi abbandonati e ripudiati dalla società per essere stati marchiati con tali atrocità.
 
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 

Il 16 ottobre Trump compie mille giorni alla Casa Bianca. In questo periodo, secondo il Fact Checker del Washington Post, sono state ricondotte al Presidente oltre tredicimila informazioni "false o fuorvianti". Il tema più ricorrente è quello dell'immigrazione e del celebre muro, seguito dal coinvolgimento della Russia nelle elezioni 2016 e dall'effettivo stato dell'economia americana, proclamata falsamente la migliore di ogni tempo.

 
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 

Sostenere la diversità è anche un valore aggiunto nella competizione tra aziende sui mercati. Il confronto tra gruppi eterogenei di persone genera l' innovazione richiesta da molte imprese. L'iniziativa Global inclusion nasce per sostenere un'inclusione che diventa anche strategia.

 
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 

Dopo dodici giorni di violente proteste in Ecuador, il presidente Moreno ha revocato il contestato decreto 883. Tra le varie misure economiche, questo prevedeva una maggiore austerità, che avrebbe eliminato le agevolazioni sul prezzo del carburante, il punto più criticato dagli oppositori. La revoca non è arrivata però senza perdite: 7 morti, 1300 feriti e una miriade di arresti, oltre i danni alla capitale Quito messa a ferro e fuoco dai protestatori.

 
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 

L'Etiopia e l'Eritrea sono state in conflitto dal 1998 al 2000, per motivi legati alla definizione dei confini e alla città di Badme. Tuttavia, anche dopo l'accordo di Algeri del 2000, l'esercito etiope ha continuato ad occupare il territorio eritreo. La situazione è rimasta irrisolta sino all'8 luglio 2018, quando il nuovo primo ministro etiope Abiy Ahmed Ali è riuscito a firmare un definitivo trattato di pace con lo Stato confinante. Abiy Ahmed Ali ha ricevuto il premio Nobel per la Pace 2019 per aver restituito al proprio Paese un clima di armonia dopo anni di belligeranza.

 
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 

In Italia risiedono 3,8 milioni di immigrati, che però pagano appena il 4,3% dell'Irpef, una cifra piuttosto scarsa, confrontata con il numero di contribuenti. Tra i regolari, è l'evasione parziale a fare da padrona, infatti quasi la metà di loro dichiara solamente 3760 euro; tra gli irregolari invece il trend vira verso l'evasione totale. La situazione, che sta privando lo stato di miliardi di euro, necessita dunque di soluzioni immediate, come la semplificazione nella creazione di contratti di lavoro.

 
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 

Circa due milioni di lavoratori migranti vengono sfruttati in Qatar: molti non hanno il diritto di cambiare occupazione o paese senza il permesso del proprio datore di lavoro e ricevono un salario minimo di poco più di 200 dollari. Il governo sta tentando di salvare la propria reputazione in vista dei Mondiali di calcio del 2022 (che si terranno in Qatar) avviando una serie di riforme, tuttavia non ancora sufficienti a contrastare il problema.

 
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 

Il Kashmir è una regione storicamente contesa tra l'India e il Pakistan. La regione, adesso territorio indiano, godeva di ampia autonomia, fintanto che, nel 2019, il premier indiano Modi ha deciso di revocare tali concessioni. Il Pakistan ha deciso di appoggiare la causa del Kashmir, e per cautalersi da uno sconto con l'India, ha posizionanato parte del proprio arsenale atomico lungo il confine, minacciando una guerra nucleare dalle conseguenze inimmaginabili.

 
(Fonte​)
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 

Il SAR (search and rescue) è il protocollo di salvataggio che regola, tra le altre cose, i soccorsi in mare delle imbarcazioni con migranti; queste operazioni hanno permesso di salvare decine di migliaia di uomini nel corso degli anni. Il protocollo impone a tutte le navi, anche commerciali, di essere utilizzate per il salvataggio, e non collaborare equivale ad omissione di soccorso. Dopo le operazioni, le persone devono essere poi sbarcati in un luogo sicuro, ovvero dove queste non saranno perseguitate o in pericolo.

 
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 

Il "pocket money" è la somma di denaro giornaliera (tra 1 e 2,50 euro) che un richiedente asilo riceve direttamente dal centro di accoglienza e che può utilizzare liberamente. Si tratta dunque solo di una piccola percentuale della cifra elargita dallo Stato per il sostentamento di ogni singolo migrante ospite, mentre il resto del denaro viene utilizzato dai centri, i quali garantiscono vitto e alloggio. Spesso, tuttavia, i richiedenti asilo non ricevono il proprio pocket money per diversi mesi. A Venticano, il mese scorso, una protesta pacifica fa luce sul problema. 

 
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 

Quello che un tempo si chiamava Il Paradiso dei Caraibi si è trasformato in un gigante che collassa lentamente. Il Venezuela, funestato dalla depressione economica e con presidente Maduro che reprime nel sangue ogni forma di dissenso, è al centro di una crisi migratoria paragonabile, negli ultimi anni, solo a quella siriana: un cittadino su otto ha lasciato il paese. L'ingente migrazione ha anche portato a scontri nei paesi che accolgono i migranti, quali Brasile e Colombia, minacciando di accrescere  ulteriormente i danni già incalcolabili del crollo economico e sociale.

 
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 
La situazione sociopolitica ed economica attuale in Burkina Faso è critica: gruppi di protestanti (“le camicie rosse”) combattono contro l’aumento del prezzo del carburante e la popolazione è costantemente a rischio a causa della presenza, nel nord del Paese, di gruppi di jihadisti, artefici di frequenti attentati ormai dal 2015. Ultime vittime degli estremisti i cristiani, costretti a convertirsi o condannati a morte
 
lo sapevi che

Lo sapevi che...

 
I Rohingya sono una minoranza etnica musulmana del nord della Birmania, la cui cittadinanza non è riconosciuta dallo stato. Si tratta di una delle persecuzioni più lunghe e sconosciute al mondo. Molte famiglie sono attualmente rifugiate in campi profughi in Bangladesh, con la speranza di tornare in una casa che riconosca loro i propri diritti.
 
Rohingya

Lo sapevi che...

 
Il coltan è un minerale che viene estratto in diversi paesi africani, in particolare in Congo.
Non molti conoscono però il business economico che vi è dietro: questo materiale viene venduto alle grandi industrie di tutto il mondo per la realizzazione di smartphone.
Intanto, la sua estrazione è causa di guerre civili e sfruttamenti minorili che provocano milioni di morti.
 
coltran

Lo sapevi che...

La pesca in Somalia, importante fonte di reddito del paese, fin dal 2012 ha subito ripetuti attacchi da parte dei pirati che avevano iniziato a battere quelle coste. Dal 2017, l'abbandono da parte delle forze Nato dei mari somali, insieme all'acuirsi della crisi economica nel paese, ha dato il via ad una nuova preoccupante ondata di banditi del mare.

(Fonti) 

pesca

Lo sapevi che...

 
L'Italia ha ricevuto 126 mila richieste d'asilo nel 2017 da parte di rifugiati di tutto il mondo. Da dove vengono? Da cosa scappano?
Nonostante ciò, il nostro Paese non è nemmeno citato tra quelli che ospitano il maggior numero di rifugiati.
 
stranieri in italia